Il Soylent, ovvero quello che diventerà l’unico sostentamento alimentare

L’alimentazione nel futuro non sarà come quella attuale. Ci saranno nuove forme di sostentamento alimentare e una di queste è già alla portata di ognuno di noi. Può essere facilmente acquistata e importata dagli Stati Uniti, al punto che già qualcuno ha iniziato a fare degli esperimenti.

soylent

Inventato dall’ingegnere del software Rob Rhinehart e commercializzato negli Usa da Rosa Labs, il Soylent inizialmente era un esperimento per il fabbisogno personale di Rhinehart. Preso da mille preoccupazioni e quasi sempre occupato da questioni lavorative, Rhinehart aveva perso la voglia di cucinare del cibo di sana pianta.

Può diventare semplicemente stressante. E per questo ha pensato di creare una sostanza che contenesse tutti i requisiti nutrizionali di un pasto comune. Il Soylent è infatti una soluzione in polvere che può sostituire un piatto di carne, sia dal punto di vista nutrizionale che del gusto.

Il suo creatore sostiene che la formula alla base del Soylent è stata approvata dall’Istituto di Medicina e che soddisfa i requisiti imposti dalla Food and Drug Administration americana. Negli Usa, quindi, il Soylent può essere commercializzato come cibo.

Sempre più persone iniziano ad avvertire le necessità di Rhinehart. Oggi solo le persone meno impegnate sul lavoro hanno tempo per cucinare e pochissime ne traggono effettiva soddisfazione, come invece avveniva una volta. Alla luce di tutto questo, non deve meravigliare se in futuro ci saranno sempre più soluzioni come il Soylent. E, come diciamo sempre, non si deve avere paura del cambiamento.

Il Soylent negli Usa sta diventando così popolare che l’esperimento ha già ricevuto diversi round di finanziamento. Alcuni dei quali provenienti all’interno del mondo della tecnologia, visto che Andreessen Horowitz ha messo a disposizione 20 milioni di dollari già nel primo round di finanziamento. Si tratta del venture capital fondato da Marc Andreessen, il famosissimo autore di Mosaic, il primo browser web veramente popolare, e co-fondatore di Netscape.

Una dotazione di Soylent per soddisfare il fabbisogno mensile costa circa 150 dollari e fornisce circa 2.600 chilocalorie al giorno. Normalmente per rifornirsi di 2.000 chilocalorie al giorno con una tradizionale dieta medica, invece, bisogna spendere almeno 3 volte quella cifra.

Certo, bisogna vedere cosa comporterebbe una dieta esclusivamente basata sul Soylent soprattutto in termini psicologici. Per esempio, la rinuncia alla masticazione potrebbe privare del piacere insito nell’alimentazione. Insomma, il Soylent non sarà la soluzione definitiva, ma sembra porsi sulla strada giusta.