Antonia Liskova è l’attrice di Solo per Amore 2: Destini Incrociati

Solo per Amore 2: Destini Incrociati è la nuova fiction di Canale 5 con Antonia Liskova, Roberto Farnesi, Kaspar Kapparoni e Valentina Cervi. Dopo un 2016 alquanto difficile in termini di ascolti, l’ammiraglia di Mediaset deve assolutamente rifarsi in questo 2017 e rispolvera le tematiche sentimentali e gli intrecci amorosi per scalare le classifiche di audience. “Dopo il grande successo della prima stagione torna Solo per amore” queste le parole usate per presentare la seconda serie.

Antonia Liskova

Alla fine del primo capitolo, la protagonista Elena Ferrante, interpretata da Antonia Liskova, aveva deciso di fidarsi di suo marito e non tornare a commettere gli stessi errori del passato. E così dopo un finale molto particolare, i due avevano potuto riabbracciare Stefano e raccontare al ragazzo tutta la verità sulla sua identità. Sappiamo che in questa seconda stagione ci sarà un drammatico incidente: il colpo di scena potrebbe arrivare proprio nella prima puntata di Solo per Amore 2: Destini Incrociati. Dai primi contenuti rilasciati da Mediaset si sa che il commissario Ferrante andrà a casa della Ferrante e lei, non appena lo vede, inizia a piangere e a urlare disperatamente.

Antonia Liskova

Solo per Amore 2: Destini Incrociati è diretta da Raffaele Mertes e da Daniele Falleri, e si compone da 10 episodi di 80 minuti ciascuno. Saranno trasmessi a breve su Canale 5.

Antonia Liskova

Quanto all’attrice protagonista di Solo per Amore, Antonia Liskova, lei è un’attrice slovacca naturalizzata italiana nata a Bojnice il 25 marzo 1977. Si è trasferita in Italia a 18 anni e dopo aver lavorato come cameriera, modella e nel campo pubblicitario, intraprende la carriera di attrice apparendo nel 2004 nel film Promessa d’amore. Tra i suoi numerosi lavori televisivi,ricordiamo: la sit-com di Italia 1, Via Zanardi 33 (2001), diretta da Antonello De Leo, la serie tv Incantesimo 6 (2003), in cui è protagonista insieme a Lorenzo Ciompi, il film tv La notte di Pasquino (2003), diretto da Luigi Magni, con Nino Manfredi, Il tunnel della libertà (2004), miniserie tv diretta da Enzo Monteleone e trasmessa da Canale 5, e le miniserie di Rai Uno, Il cuore nel pozzo (2005), regia di Alberto Negrin, I figli strappati (2006) e Caccia segreta (2007), queste ultime dirette da Massimo Spano.